Esaù ci insegna come leggere la Genesi

Torah-

Il Libro della Genesi (Berehshìt) si presenta in gran parte come l’avvicendarsi di storie di individui e di nuclei familiari che vivono eventi a volte drammatici (violenze, inganni, rivalità), a volte grandiosi (miracoli, rivelazioni divine), ma anche apparentemente ordinari (matrimoni, migrazioni). L’idea che dietro queste storie si celino significati profondi, insegnamenti morali o persino concetti esoterici è condivisa da molti lettori della Bibbia. Ma come dovremmo interpretare i racconti dei patriarchi e delle loro famiglie? Quali indizi ci fornisce il testo per vedere nelle loro vicende qualcosa in più di semplici  (per quanto singolari) biografie di uomini del passato? In questo articolo vogliamo proporvi una chiave di lettura illuminante concentrandoci in particolare su un personaggio che, nonostante non possa essere considerato uno dei protagonisti principali della Genesi, non ha di certo un ruolo marginale. Stiamo parlando di Esàv (Esaù), il fratello gemello del patriarca Yaakòv (Giacobbe). Continua a leggere

Il Messia – Lezione 2: Una stella spunta da Giacobbe

Ciclo di lezioni audio di sguardoasion.com (3).png

Continua la nostra ricerca del brano della Torah in cui si parla per la prima volta della venuta del Messia. In questa lezione esamineremo il passo del Deuteronomio (18:15-19) in cui Dio promette di suscitare per gli Israeliti “un profeta come Moshè”. Poi ci concentreremo sul famoso oracolo di Bil’am sulla “stella” che sorge da Giacobbe (Numeri 24:17).

Questa ricerca ci porterà a scoprire il significato autentico dei versi biblici che le varie tradizioni ci hanno abituato nei secoli a leggere al di fuori del loro contesto, e a comprendere le vere origini dell’idea messianica nelle Scritture. Continua a leggere

Il Messia – Lezione 1: Lo scettro di Giuda

Ciclo di lezioni audio di sguardoasion.com (3).png

Chi è il Messia? Qual è la verità su questa figura che da millenni è oggetto di dibattiti e contrasti fra le religioni?
In questo nuovo ciclo di lezioni audio, ci proponiamo di ricostruire le origini dell’attesa messianica del popolo d’Israele per rifondare la conoscenza di un tema tanto controverso sulle basi della Bibbia ebraica.

Il nostro percorso inizia da una domanda fondamentale: in quale brano delle Scritture si parla per la prima volta in assoluto del Messia? Vi invitiamo a seguire queste lezioni per scoprire insieme a noi la risposta.

Continua a leggere

“La tua voce ho udito”: offerta speciale per acquistare il nostro libro sulla Genesi

Leggi la bibbia con occhi nuovi

In occasione del quinto anniversario della nascita di Sguardoasion.com, vi presentiamo un’offerta speciale a tempo limitato. Fino al 10 novembre 2018 potrete acquistare il nostro libro La tua voce ho udito – Viaggio nel Libro della Genesi (1-11) a metà prezzo su Amazon.

Descrizione dell’opera:

Il racconto della prima settimana dell’universo segna il manifesto di una grande rivoluzione. Il giardino dell’Eden ci porta nelle profondità dell’animo umano. Il Diluvio ci parla di rinascita oltre che di distruzione. La torre di Babele è una realtà che trascende la storia. Da “In principio” fino alla tenda di Abramo: questo libro propone un viaggio appassionante tra i versi della Genesi per andare alla ricerca di ciò che la Bibbia avrebbe sempre voluto dirci, se solo l’avessimo lasciata parlare.

Acquista il libro in formato cartaceo

Acquista il libro in formato eBook

Scarica l’anteprima gratuita

“Le Iene” e la Bibbia con la copertina del Corano

Scriptures.jpg

Lo scorso 11 ottobre, il popolare programma televisivo Mediaset “Le Iene” ha mandato in onda un servizio di Nic Bello che si proponeva come un “vero e proprio esperimento sociale”. L’inviato, recatosi a Pontida durante il raduno annuale dei sostenitori della Lega, ha messo alla prova alcuni militanti del partito di Matteo Salvini leggendo dei versetti biblici, facendo tuttavia credere loro che si trattasse di brani del Corano. I leghisti hanno prontamente criticato i versetti dimostrando tutta la loro disapprovazione verso quello che erano convinti fosse il testo sacro dell’Islam, finché non hanno scoperto che il libro appena vituperato non era altro che un’edizione della Bibbia la cui copertina era stata sostituita con quella del Corano.

Lo scherzo, o meglio, l’esperimento, ha avuto indubbiamente risvolti interessanti e ha mostrato ai telespettatori degli sgradevoli esempi di ignoranza e di pregiudizio. Cosa c’entra però tutto questo con il nostro sito, in cui ci siamo sempre occupati esclusivamente dello studio della Bibbia ebraica? Ebbene, abbiamo deciso di commentare questo servizio del programma “Le Iene” proprio per verificare se quanto è stato affermato in tv in merito alle Scritture sia effettivamente corretto. Continua a leggere

Leggere la Bibbia con i rabbini – Lezione 6: Da Sodoma a Gerico

L’ultimo appuntamento con il nostro ciclo “Leggere la Bibbia con i rabbini” ci porterà a Gerico, luogo in cui, secondo il libro di Yehoshua (Giosuè) due spie israelite ricevettero la protezione della prostituta Rachav.

Nel Midrash Tanchumah, i Maestri identificano le due spie con Kalev e Pinchas, e ci dicono che quest’ultimo si rese invisibile agli occhi degli uomini di Gerico poiché “egli era come un angelo”. Dietro questo improbabile “superpotere”, si cela la chiave dell’interpretazione biblica dei Saggi d’Israele.

Continua a leggere

Scintille di Torah: Deuteronomio

Scintille di Torah” è la raccolta di brevi commenti alla parashàh (porzione settimanale di Torah/Pentateuco secondo il ciclo di lettura annuale ebraico) che pubblichiamo ogni settimana sulla nostra pagina Facebook.
Di seguito troverete tutti i commenti al Libro del Deuteronomio pubblicati nel 2018.

devarim.jpgDEVARIM

“Voi state per passare i confini dei figli di Esav, vostri fratelli, che dimorano in Seir. Essi avranno paura di voi: state quindi bene in guardia e non provocateli, perché non vi darò niente del loro paese, neppure quanto ne può calcare la pianta di un piede, poiché ho dato il monte Seir a Esav, come sua proprietà. […] Seir era prima abitata dai Chorìm; ma i figli di Esav li scacciarono, li distrussero e si stabilirono al loro posto” (Deuteronomio 2:4-12).

Nel suo discorso agli Israeliti che si apprestano a entrare finalmente nella terra promessa, Moshè si sofferma sul diritto dei discendenti di Esav (Esaù) di abitare il paese di Seir, spiegando anche che essi avevano conquistato quella terra sconfiggendo i suoi precedenti abitanti.

Continua a leggere